La sigillatura dei denti o dei solchi: perché è cosi importante?

La sigillatura dei denti o dei solchi: perché è cosi importante?

Una delle principale insidie per i nostri denti è rappresentata dalla carie dentale, ovvero accumuli batterici cosi nefasti a tal punto da riuscire a distruggere i tessuti dei nostri denti fino a, nei peggiori dei casi, dover procere all'estrazione degli stessi con tutto ciò che ne consegue, ovvero assunzione di antibiotici, antidolorifici, antinfiammatori nonché la perdita definitiva del dente stesso.
Prevenirla tuttavia è molto semplice, indolore e soprattutto economico, infatti basta una corretta igiene orale domiciliare, un controllo periodico dal dentista per riconoscerla sin dai suoi primi stadi e interrompere il suo sviluppo sul nascere e una eventuale sigilaltura dei solchi.

La sigillatura dei denti è una metodica di prevenzione della carie conosciuta ed applicata in tutto il mondo ormai da molti decenni. Consiste nella chiusura dei solchi normalmente presenti sulla superficie dei denti attraverso l'uso di materiali a base resinosa o di cementi vetroionomerici. È considerata una procedura clinica semplice, sicura ed efficace ed è quindi fortemente raccomandata dalle più recenti Linee Guida del Ministero della Salute.

Noi di EP Dental, dentista a Bagheria, consigliamo la sigillatura dei solchi in diverse fasce di eà sia nei bambini che negli adulti.

 

Prenota subito la tua visita odontoiatrica a Bagheria

 

Questa procedura preventiva  consiste nel sigillare i solchi dei molari definitivi del bambino o di un adulto con una resina protettiva per evitare le carie. È una tecnica rapida e indolore, che viene praticata ormai da più di 40 anni.

-perché farla?

Perchè sigillare i denti permette di evitare le carie?

È un modo per prevenire la formazione della carie e di conseguenza per mantenere una buona salute orale nel bambino.

L’80 % delle carie si formano a livello dei solchi. In effetti queste fenditure  rappresentano il luogo ideale per l’accumularsi della placca dentale, soprattutto se le pieghe sono profonde e marcate. I batteri vi ristagnano e proliferano, attaccano lo smalto dei denti demineralizzandolo e danno origine ad una carie.  

D’altronde sono delle zone difficili da raggiungere con lo spazzolino : le setole infatti non riescono a penetrare fino in fondo agli interstizi dove si depositano i detriti alimentari e la placca dentale.

Applicando una resina protettiva all’interno dei solchi è possibile  proteggere i denti dagli attacchi dei batteri.  
Come si effettua la sigillatura dei denti?

Nel corso della prima seduta il dentista esegue un esame completo di tutti i denti per valutare il rischio d’insorgenza di carie, prestando particolare attenzione ai solchi, e stabilisce se è il caso di intervenire.

Durante il secondo appuntamento pulisce ed isola il dente. Applica un gel che permette alla resina di aderire meglio al dente, poi stende un adesivo e infine la resina di sigillatura che viene polimerizzata per fissarla definitivamente.

In seguito occorre monitorare la situazione recandosi ogni sei mesi dal dentista per una visita di controllo, nel corso della quale verificherà che la resina aderisca correttamente, che non si sia consumata e che la protezione sia sempre efficace.



Quando è consigliato eseguirla?

È consigliabile iniziare a farle quando erompono i primi molari permanenti, intorno ai sei anni di vita del paziente.
La sigillatura è tanto più efficace nel prevenire la carie, quanto prima viene applicata; dal punto di vista pratico deve essere eseguita quando la superficie esposta lo permette.
A circa 6 anni di età inizia la permuta dentale ed erompono in arcata i primi molari permanenti. Questi ultimi elementi sono particolarmente a rischio di carie in quanto presentano con estrema frequenza solchi articolati e profondi che spesso sono anche difficili da spazzolare vista la posizione in cui erompono, in un cavo orale ancora piccolo.
Successivamente, con il proseguimento della permuta dentale, la sigillatura dei solchi potrà essere eseguita anche sui premolari appena erotti e poi anche sui secondi molari, che erompono più tardi, intorno ai 12 anni.


 

Il vantaggio?
Proteggere fisicamente e chimicamente i denti neoformati. La metodica consiste nella chiusura meccanica di quelle irregolarità dello smalto dentario presenti sulla superficie occlusale dei molari, dei premolari ed in alcuni casi sulla superficie palatina dei denti anteriori con l’utilizzo di una particolare resina. In questo modo la superficie masticatoria del dente risulta più liscia e quindi più facile da pulire con lo spazzolino.



Quanto tempo dura?
Il successo nel tempo della sigillatura dipende da diversi fattori, quindi non è possibile prevederne con precisione la durata. Certamente è particolarmente importante che la sigillatura venga eseguita con una tecnica adeguata di protezione dalla saliva. L'umidità, infatti, rappresenta il principale fattore di fallimento della sigillatura.
L'integrità delle sigillature deve essere controllata durante le visite periodiche di controllo (semestrali) e, nel caso ne venga riscontrata la perdita parziale o totale, è necessaria la reintegrazione.


 

Controindicazioni?
Nessuna! Non essendo una procedura dolorosa che non necessita di anestesia, è un buon modo per far avvicinare il bimbo al mondo dell’odontoiatria in maniera serena e giocosa. L’abilità sarà nostra (dell’operatore) regalare al piccolo paziente un esperienza piacevole ripetibile.


 

Quali materiali si usano? Sono nocivi per la salute?
I materiali a base resinosa rappresentano la prima scelta, non sono nocivi per la salute e in virtù degli ottimi valori di ritenzione – difficilmente vengono espulsi - mentre i cementi vetroionomerici presentano una ritenzione inferiore, ma sono consigliati in tutte quelle occasioni in cui il controllo dell'umidità non può essere ottimale.
Nella maggior parte dei casi non è necessario effettuare preparazioni meccaniche dei solchi (ameloplastica); tale procedura è riservata nei casi in cui i solchi sono estremamente profondi oppure c'è il dubbio che possa esserci una carie iniziale all'interno degli stessi solchi.


 

FATTORI DI RISCHIO CARIE
• errata igiene orale
• alimentazione ricca di zuccheri
• predisposizione individuale del bambino
 

Alcuni consigli per evitare le carie:

  •     spazzolarsi i denti dopo ogni pasto per almeno 2 minuti
  •     utilizzare un collutorio antisettico dopo lo spazzolamento
  •     passare il filo dentale
  •     non fare spuntini dolci e non bere bevande zuccherate tra i pasti
  •     utilizzare un dentifricio fluorato
  •     recarsi ogni sei mesi dal dentista per una visita di controllo
  •     mantenere un’alimentazione equilibrata

La sigillatura, in definitiva, rappresenta una metodica di prevenzione primaria, applicabile a tutti i bambini.  I benefici maggiori sono per i bambini con malattie croniche e per gli elementi dentali ad alto rischio di carie.
I dati ministeriali confermano, infatti, che l'effetto preventivo di tale pratica per i primi molari permanenti è dell'87,1% valutata a tre anni dalla sua applicazione, del 76.3% a quattro anni e del 65.0% a nove anni.

Se tua figlio/a accusa quindi fastidi alla bocca o nel peggiore dei casi dolore a un dente potrebbe essere una carie, pertanto ti consigliamo, qualora vivi a Bagheria o in un luogo vicino al nostro studio dentistico di prenotare subito un appuntamento, ti ricordiamo che la prima visita dentale presso EP Dental a Bagheria non richiede alcun impegno economico.

 

 

Condividi: